You are in the archive Please visit our new homepage

Gli Archivi Berzin

Gli Archivi Buddhisti del dott. Alexander Berzin

Vai alla versione testo per non vedenti di questa pagina. Vai alla navigazione principale.

Home > Basi Fondamentali del Buddhismo tibetano > Livello 2: Lam-rim (stadi graduali) – documenti > La compassione basata sulla biologia e la ragione

La compassione basata sulla biologia e la ragione

Sua Santità il XIV Dalai Lama
Praga, Repubblica Ceca, 11 Ottobre 2006
Trascritto e leggermente redatto da Alexander Berzin
Traduzione italiana a cura di Julian Piras

Il risultato di ogni azione dipende dalla motivazione. Se è presente un’emozione disturbante o un’emozione positiva, la stessa azione porta a risultati differenti. Anche quando l´azione è motivata da una stessa emozione generale, come la compassione, i supporti mentali ed emotivi di questa emozione incidono anch’essi sul risultato.

Prendiamo l´esempio della compassione. Ne esistono di tre tipi:

  • La prima è diretta verso parenti e persone care. Ma, essendo basata sull´attaccamento, è una compassione limitata. Basta una piccola circostanza per trasformarla in collera o addirittura in odio.
  • Il secondo tipo di compassione è diretto verso gli esseri che soffrono: si basa su un sentimento di pietà per loro. Con questo tipo di compassione, guardiamo gli altri con un senso di sufficienza e ci sentiamo migliori di loro. Questi due tipi di compassione nascono da emozioni disturbanti e pertanto creano problemi.
  • Il terzo tipo di compassione è priva di pregiudizi. È fondata sulla comprensione ed il rispetto. Con questa compassione, ci rendiamo conto che gli altri sono come noi: hanno lo stesso diritto di essere felici e di non soffrire, esattamente come noi, Per via di questa comprensione, proviamo amore, compassione e affetto per loro. Questo terzo tipo di compassione è di natura stabile. Si sviluppa con l´allenamento, l’educazione e la ragione. Più la compassione è stabile, più sarà di beneficio.

Questi tre tipi di compassione sono suddivisi in due categorie generali. I primi due tipi sono emozioni che nascono spontaneamente sulla base di qualcosa di nevrotico. Il terzo tipo è un’emozione che nasce sulla base della ragione.

La compassione che si basa sulla ragione, senza pregiudizi, è rafforzata dalla natura. Alla nascita, un essere umano, un mammifero o un uccello – non so se sia la stessa cosa per le tartarughe marine e le farfalle – prova un amore senza pregiudizi verso la propria madre, benché non la conosca. Proviamo tutti un´attrazione naturale, una sensazione di vicinanza e di affetto per nostra madre. Anche la madre prova automaticamente una vicinanza naturale ed affetto per il suo neonato. Per via di questo, si prende cura del bimbo e se ne occupa. Questa cura piena di affetto è la base per uno sviluppo sano del bambino.

Questo ci dimostra che la vicinanza e l´affetto, basati sulla biologia, sono i semi della compassione. Sono i doni più grandi che riceviamo, e provengono dalle nostre madri. Se curiamo questi semi con la ragione e l´educazione, essi cresceranno, diventando una vera compassione. È una compassione senza pregiudizi, uguale per tutti, che si basa sulla comprensione che siamo tutti uguali.

Per il bambino, l´affetto non si basa sulla religione, sulle leggi o sull´autorità della polizia. Nasce naturalmente. Benché la compassione insegnata dalle religioni sia una cosa buona, il vero seme, la vera base della compassione è biologica. È la base per quello che chiamo “etica secolare”. La religione dovrebbe semplicemente rafforzare questo seme.

Alcune persone credono che l´etica morale debba basarsi unicamente sulla fede religiosa. Altri pensano che l’etica possa essere sviluppata con l´allenamento. Alcuni sono del parere che “secolare” significhi rifiutare le religioni. Altri pensano che “secolare” implichi rispettare tutte le religioni, senza pregiudizi, e di rispettare anche i non-credenti, come è stato stipulato nella costituzione dell´India. La base di quest´ultimo tipo di etica è costituita soprattutto dalla compassione, che ha le sue radici nell´istinto. Come nel caso di una madre e del suo figlio neonato, questa compassione e quest´etica nascono automaticamente, per necessità di sopravvivenza. Questa base biologica fa sì che la compassione e l´etica siano più stabili.

Quando i bambini giocano, non pensano alla religione, alla razza, alla politica o alla provenienza familiare. Apprezzano un sorriso da parte dei bambini che giocano con loro, senza chiedere chi sono, e reagiscono con bontà. I loro cuori e le loro menti sono aperti. Gli adulti, d´altro canto, normalmente danno più peso a questi altri fattori – le differenze razziali o politiche, e così via. Per via di questo, le loro menti e i loro cuori sono più ristretti.

Osservate la differenza tra questi due atteggiamenti. Quando siamo più compassionevoli, la nostra mente e il nostro cuore sono più aperti e comunichiamo molto più facilmente. Quando siamo concentrati su noi stessi, la nostra mente e il nostro cuore sono chiusi e ci è difficile comunicare con gli altri. La collera indebolisce il sistema immunitario, mentre la compassione e avere un buon cuore migliorano il sistema immunitario. La collera e la paura non ci fanno dormire – e quando dormiamo, facciamo incubi. Quando la nostra mente è calma, dormiamo bene. Non abbiamo bisogno di calmanti – la nostra energia è equilibrata. Quando siamo tesi, la nostra energia diventa frenetica e ci sentiamo nervosi.

Per vedere e comprendere chiaramente le cose, abbiamo bisogno di una mente calma. Se siamo agitati, non vediamo la realtà – e così, la maggior parte dei problemi, anche a livello globale, sono causati dall´uomo. Nascono perché gestiamo male le situazioni, perché non vediamo la realtà. Le nostre azioni si basano sulla paura, sulla collera e sulla tensione. C´è troppo stress. Non siamo oggettivi, perché la nostra mente è illusa. Queste emozioni negative rendono la nostra mente ristretta, e questo fa sì che creiamo problemi, il che non produce mai risultati soddisfacenti.

La compassione, d´altro canto, rende la mente aperta, calma. Grazie alla compassione vediamo la realtà e capiamo i metodi che servono ad eliminare quello che nessuno vuole e a realizzare quello che tutti vogliono. Questo è un punto importante, ed è un gran beneficio della compassione fondata sulla ragione. Pertanto, per promuovere valori umani basati sulla biologia e sostenuti dalla ragione, la madre e l’amore istintivo e l’affetto tra la madre ed il bambino giocano un ruolo vitale.