Come affrontare il materialismo

Le cose materiali procurano solo il benessere fisico, non quello mentale. Il cervello di una persona materialista e il nostro cervello sono uguali. Perciò entrambi proviamo dolore mentale, solitudine, paura, incertezza e gelosia. Esse disturbano la mente di chiunque. Rimuoverle con i soldi – questo è impossibile. Alcune persone con la mente disturbata, con troppo stress, prendono delle medicine. Queste riducono lo stress temporaneamente ma causano molti effetti collaterali. Non si può comprare la pace mentale. Nessuno la vende, ma tutti vogliono la pace mentale. Numerosissime persone prendono dei tranquillanti, ma la vera medicina per una mente stressata è la compassione. Perciò le persone materialiste hanno bisogno di compassione.

Video: Tsenciab Serkong Rinpoche II — “L'importanza della compassione per sé stessi”
Per avviare i sottotitoli, per favore clicca sull’icona “Sottotitoli” nell‘angolo in basso a destra sullo schermo. Per cambiare la lingua dei sottotitoli, per favore clicca sull‘icona “Impostazioni”, poi clicca “Sottotitoli” e scegli la lingua che preferisci.

La pace mentale è la miglior medicina per una buona salute. Conferisce maggior equilibrio agli elementi fisici. Lo stesso vale per il dormire a sufficienza. Se dormiamo con la pace mentale, allora non ci sono disturbi e non abbiamo bisogno di prendere i sonniferi. Tantissime persone si preoccupano di avere un bel viso. Ma se si è in collera, truccarsi non servirà a niente, non importa quanto colore vi si è messo. Si è ancora brutti. Ma se invece di provare collera si sorride, allora il viso diventa attraente, più intelligente.

Se facciamo un grande sforzo per la compassione, quando sorge la collera, è solo per un breve lasso di tempo. E’ come avere un forte sistema immunitario. Non è un grosso problema quando si è attaccati da un virus. Perciò abbiamo bisogno di una visione olistica e di compassione. Poi, con la familiarizzazione e l’analisi del rapporto di interconnessione che esiste fra tutti noi, avremo più forza.

Tutti noi abbiamo lo stesso potenziale per la bontà. Perciò datti uno sguardo. Osserva tutto il potenziale positivo. C’è anche il potenziale negativo, però c’è anche il potenziale per le cose buone. La natura umana fondamentale è più positiva che negativa. La nostra vita comincia con la compassione. Perciò il seme della compassione è più forte del seme della collera. Pertanto guardati in maniera più positiva. Questo porterà a uno stato d’animo più tranquillo. Allora quando i problemi si presenteranno, sarà più facile.

Un grande maestro buddhista indiano, Shantideva, scrisse che quando dobbiamo affrontare un problema, se lo analizziamo e troviamo un modo per evitarlo o per risolverlo, allora non c’è bisogno di preoccuparsi. E se non possiamo risolverlo, preoccuparsi non è di alcun aiuto. Accettiamo la realtà.

Top