Come affrontare la gelosia nelle relazioni

La gelosia ci rende paranoici che i nostri amici e partner ci abbandoneranno, disturbando le nostre relazioni e facendoci perdere completamente la pace mentale. Più siamo gelosi e possessivi, più faremo allontanare gli altri. Realizzare che noi tutti abbiamo la capacità di amare un numero enorme di persone e cose ci aiuta a superare la gelosia. Avere amore per i nostri amici, per le nostre professioni, per lo sport e così via non diminuisce l’amore del nostro partner per noi o il nostro per loro; in effetti, lo arricchisce.

Gelosia vs invidia

La gelosia può assumere diverse forme. Se siamo single e ci sentiamo gelosi di una coppia o attratti da qualcuno che è già in una relazione, è effettivamente invidia. Desideriamo piuttosto di poter ricevere l’affetto e l’attenzione della persona, oppure desideriamo di potere avere una relazione così affettuosa. In entrambi i casi, siamo invidiosi di qualcosa che ci manca, e questo può sollevare sentimenti di inadeguatezza e altri problemi di autostima.

La gelosia nelle relazioni

La gelosia quando siamo in una relazione può essere persino più fastidiosa. Piuttosto di concentrarci su quello che un’altra persona ha, si concentra sul nostro partner o amico e su una terza persona; siamo di solito spaventati che perderemo la nostra relazione speciale a favore della terza persona. Diventiamo intolleranti di qualsiasi rivalità o di una possibile infedeltà. Per esempio, ci sentiamo gelosi se il nostro partner passa molto tempo con i suoi amici o partecipa ad un evento senza di noi. Anche un cane prova questo tipo di gelosia quando arriva un nuovo bambino in casa. Questa forma di gelosia contiene elementi di rancore e ostilità in aggiunta a forti elementi di insicurezza e diffidenza.

Se siamo insicuri, allora ogni volta che il nostro partner o amico è con altre persone, cominciamo a sentirci gelosi. Questo è perché siamo insicuri del nostro valore, e siamo insicuri dell’amore dell’altra persona per noi, portandoci a non fidarci del nostro partner. Abbiamo paura che saremo abbandonati. È possibile avere questa paura anche se il nostro partner o amico non passa tempo proprio con nessun altro. Con una possessività estrema, siamo paranoici che potrebbero lasciarci in qualunque momento.

Superare la gelosia

Per affrontare la gelosia, abbiamo bisogno di riflettere su come il cuore ha la capacità di amare tutti – questo è un aspetto della nostra natura di buddha. Quando riaffermiamo questo fatto, esso ci aiuta a superare la gelosia, notando come amare una persona non escluda amare gli altri. Pensiamo semplicemente a noi stessi e a come possiamo aprire i nostri cuori a così tante persone e cose [vedi Cos’è l’amore?]. Con cuori aperti, abbiamo amore per il nostro partner, amici, figli, animali da compagnia, genitori, nazione, natura, Dio, passatempi e così via. C’è spazio nei nostri cuori per tutti loro poiché l’amore non esclude [nessuno]. Siamo perfettamente capaci di occuparci e di relazionarci con tutti questi oggetti del nostro amore, esprimendo i nostri sentimenti in maniere appropriate ad ogni oggetto. Ovviamente non esprimiamo il nostro amore e affetto per il nostro cane nello stesso modo in cui lo esprimiamo per nostra moglie o marito o genitori!

Se noi stessi possiamo avere un cuore aperto, pure il nostro partner o amico possono averlo. Il cuore di ognuno ha la stessa capacità di estendere amore verso un numero enorme di persone e cose – persino verso il mondo intero. È ingiusto e irrealistico aspettarsi e persino pretendere che abbiano amore solo per noi e che non abbiano mai altre amicizie affettuose o interessi esterni. Abbiamo così poca stima di loro al punto da pensare che non abbiano nessuno spazio nei loro cuori sia per noi sia per altre persone? Vogliamo davvero impedirgli di realizzare le loro capacità di amore provenienti dalla natura di buddha e, di conseguenza, alcune delle più grandi gioie nella vita?

Qui non stiamo parlando di infedeltà sessuale. Le questioni della monogamia e dell’infedeltà sessuale sono estremamente complesse e introducono molte altre questioni. In ogni caso, se i nostri partner sessuali, specialmente i nostri coniugi, sono infedeli o passano molto tempo con altre persone – specialmente quando abbiamo figli piccoli insieme – gelosia, risentimento, e possessività non sono mai risposte emotive utili. Abbiamo bisogno di affrontare la situazione in una maniera sobria, poiché gridare ai nostri partner o provare a farli sentire in colpa raramente ha successo nel fare in modo che ci amino.

Aprire i nostri cuori all’amore

Quando pensiamo che amicizie strette ed affettuose possano essere soltanto ed esclusivamente con una persona, sentiamo che ci sia solo una persona – il nostro partner o amico – il cui amore abbia importanza. Anche se ci sono molti altri che ci amano, tendiamo a ignorare quel fatto e pensiamo, “Quello non conta”. Aprire continuamente i nostri cuori al maggior numero possibile di altre persone e riconoscere l’amore che altri – amici, parenti, animali da compagnia, e così via – hanno per noi adesso, hanno avuto in passato, e avranno in futuro ci aiuta a sentirci più emotivamente sicuri. Questo, a sua volta, ci aiuta a superare ogni fissazione che potremmo avere sul fatto che uno qualunque sia un oggetto speciale di amore.

L’onniscienza e l’amore per tutti implicano entrambi avere tutti quanti nelle nostre menti e nei nostri cuori. Ciononostante, quando un Buddha è concentrato su o con un’unica persona, lui o lei è focalizzato al 100% su quella persona. Pertanto, avere amore per tutti non significa che l’amore per ciascun individuo sia diluito. Non abbiamo bisogno di aver paura che se apriamo i nostri cuori a molte persone, le nostre relazioni personali saranno meno intense o gratificanti. Potremmo aggrapparci di meno ed essere meno dipendenti dall’avere una relazione qualunque che sia totalmente soddisfacente, e potremmo passare meno tempo con ciascun individuo, ma ciascuna relazione è una partecipazione piena. Lo stesso è vero sul piano dell’amore di altre persone per noi, quando siamo gelosi che sarà diluito poiché hanno amicizie affettuose anche con altri.

È irrealistico pensare che una persona qualunque sarà il nostro partner perfetto, la nostra “altra metà” che ci completerà in tutti i modi e con cui possiamo condividere ogni aspetto delle nostre vite. Queste idee sono basate sull’antico mito greco narrato da Platone in cui originariamente eravamo tutti interi, e poi fummo divisi in due. Da qualche parte “là fuori” c’è la nostra altra metà; e il vero amore è quando troviamo e ci riuniamo con le nostre altre metà. Sebbene questo mito divenne la base per il romanticismo occidentale, non si riferisce alla realtà. Credere in esso è come credere nel bel principe che verrà a soccorrerci su un cavallo bianco. Abbiamo bisogno di amicizie affettuose con molta gente per condividere tutti i nostri interessi e bisogni. Se questo è vero per noi, allora è anche vero per i nostri partner e amici. È per noi impossibile soddisfare tutti i loro bisogni e quindi anche loro hanno bisogno di altre amicizie.

Riepilogo

Quando una persona nuova entra nelle nostre vite, è utile vederla come un bellissimo uccello selvaggio che è giunto alla nostra finestra. Se siamo gelosi che l’uccello vada anche alle finestre di altre persone e quindi lo rinchiudiamo in una gabbia, diventa così miserabile che perderà il suo splendore e potrebbe persino morire. Se, senza possessività, lasciamo che l’uccello voli libero, possiamo godere del tempo meraviglioso in cui l’uccello è con noi. Quando l’uccello vola via, com’è suo diritto, sarà più propenso a tornare se si sente sicuro con noi. Se accettiamo e rispettiamo che tutti abbiano il diritto di avere molte amicizie strette, noi stessi inclusi, le nostre relazioni saranno più sane e di lunga durata.

Top