Affrontare le relazioni difficili

Per migliorare le nostre relazioni dobbiamo eliminare le proiezioni non realistiche che causano difficoltà e sviluppare un atteggiamento premuroso.

Spiegazione

La meditazione buddhista è orientata al superamento dei problemi. Questo è il motivo per cui Buddha insegnò le quattro nobili verità per aiutarci ad affrontarli in un modo migliore. Tutti noi nella vita affrontiamo problemi, alcuni più gravi di altri, ma uno che la maggior parte di noi deve affrontare riguarda le nostre relazioni con gli altri.

Alcune di queste relazioni possono essere piuttosto difficili e impegnative, Buddha però ci ha insegnato che esiste qualcosa che possiamo fare per essere in grado di gestirle meglio: dobbiamo guardare dentro di noi per trovare le cause di questi problemi, perché al di là di quanto pesantemente gli altri possano incidere su di essi, l'unica cosa che possiamo veramente controllare è come noi stessi rispondiamo ad essi, sia con i nostri atteggiamenti che con il nostro comportamento.

Poiché il nostro comportamento è modellato dai nostri atteggiamenti, dobbiamo concentrare i nostri sforzi sul miglioramento di questi ultimi: se sostituiamo quelli che creano problemi con altri più sani che si basano sulla realtà e sulla compassione, minimizzeremo, se non elimineremo completamente, la sofferenza che sperimentiamo dalle relazioni difficili.

Meditazione

  • Calmati concentrandoti sul respiro.
  • Concentrati su qualcuno con cui hai una relazione difficile come esempio della prima nobile verità, le vere sofferenze.
  • Lascia che sorga la sensazione di fastidio.
  • Esamina perché ti senti così come un esempio della seconda nobile verità, le vere cause della sofferenza. Forse è dovuto al fatto che stare con lei è difficile e problematico, o non ti piace qualcosa di lei, o non sempre è disponibile quando vuoi stare con lei o non sempre è di buon umore.
  • Man mano che andiamo più in profondità, vediamo che la identifichiamo solo con quell'aspetto e non la consideriamo effettivamente come un essere umano che ha molte altre persone e cose nella sua vita oltre a noi che la influenzano, che ha sentimenti come noi e vuole essere apprezzata, proprio come noi.
  • Non tutti si sentono in questo modo nei suoi confronti, quindi è possibile porre fine a quella sensazione di fastidio e disagio dello stare con lei come esempio della terza nobile verità, la vera cessazione della sofferenza.
  • Per dissipare quel disagio dobbiamo realizzare, come esempio della quarta nobile verità, un vero sentiero mentale di corretta comprensione, che se esistesse veramente come persona fastidiosa, allora tutti la troverebbero fastidiosa, dal momento della sua nascita. Ma ciò è impossibile.
  • Abbiamo eliminato quella proiezione di lei come di una persona veramente fastidiosa.
  • Quindi la guardiamo senza fastidio. Solo ci sembra fastidiosa, ma è come un'illusione.
  • Quindi generiamo un atteggiamento premuroso nei suoi confronti: è un essere umano e vuole essere apprezzata ed essere felice, non vuole apparire antipatica. Proprio come io non vorrei che lei si comportasse come se io la infastidissi come una zanzara - questo influenzerebbe i miei sentimenti - così anche lei non lo vuole e influenzerebbe i suoi sentimenti.
  • Considera la persona con un atteggiamento premuroso.

Sommari

Per affrontare le persone difficili, ovviamente dobbiamo prima calmarci quando le incontriamo o prima di farlo se ne abbiamo la possibilità. Quindi quando siamo con loro, dobbiamo considerarle come esseri umani con sentimenti proprio come li abbiamo noi, sviluppando un atteggiamento premuroso. Uno degli ostacoli allo sviluppo di un simile atteggiamento è non considerare la persona nel contesto più ampio della realtà della sua vita. Se dissipiamo le nostre false proiezioni e le vediamo in modo più realistico, allora, con un atteggiamento aperto e premuroso, saremo in grado di affrontarle con maggiore successo.

Top