Perché le persone sono attratte dal Buddhismo

Perché al giorno d’oggi sempre più persone si rivolgono al Buddhismo? Ovviamente c'è una grande varietà di ragioni, dal momento che c'è una grande varietà di persone e ognuno è un individuo, ma penso che oggigiorno la maggior parte delle persone si rivolgano al Buddhismo perché riconoscono che le loro vite sono sempre più problematiche.

I tipi di problemi di cui le persone soffrono oggigiorno

Alcuni problemi sono esistiti fin da quando l’uomo è  apparso su questo pianeta, e probabilmente [esistevano] anche in precedenza con gli animali prima che ci fossero gli esseri umani; problemi nel relazionarsi  gli uni con gli altri, problemi che derivano dalla rabbia, dai litigi, dalle dispute. Questi sono problemi che tutti hanno affrontato quasi sempre, quindi non c’è niente di speciale in ciò che tu ed io stiamo sperimentando al momento. Poi naturalmente ci sono problemi più recenti che rendono le cose ancora più difficili, come i problemi legati all’economia, alle guerre e così via. Le persone sentono questi problemi sempre di più ma non trovano le soluzioni, [non sanno] come affrontarli a livello personale, in particolare per quanto riguarda le loro emozioni, le loro menti. Non trovano soluzioni per questi problemi in quello che è già a loro disposizione.

Tuttavia uno degli sviluppi meravigliosi della modernità è la comunicazione, in particolare in quella che oggi chiamiamo l'era dell'informazione e ancor più l'era dei social media. Ciò significa che sono disponibili sempre più informazioni su molti sistemi alternativi. Molti grandi leader buddhisti, come Sua Santità il Dalai Lama, viaggiano per il mondo; molte persone sono state testimoni, hanno visto con i loro stessi occhi coloro che sono riusciti a evolversi a un livello tale da essere in grado di avere una mente pacifica, tranquilla e amorevole di fronte ad alcune delle situazioni più difficili, come perdere il proprio paese. Quindi questo ha aggiunto la qualità dell'ispirazione proveniente da una persona vivente, il che è molto importante, oltre alle sole informazioni che possiamo ottenere su internet o nei libri.

Quindi le persone si rivolgono al Buddhismo principalmente perché cercano una soluzione ai problemi che hanno, e sperano che il Buddhismo possa offrire loro un modo per affrontare la vita. Ciò vale sia se il Buddhismo è qualcosa di piuttosto estraneo alla loro società sia se è il sistema tradizionale della loro popolazione.

Il lato razionale del Buddhismo

Ora in tale contesto in cui ci affidiamo al Buddhismo per cercare soluzioni, diversi aspetti di esso attraggono persone diverse. Se guardiamo a ciò che sottolinea Sua Santità il Dalai Lama – e che tante persone trovano molto interessante – è il lato razionale, analitico e pratico del Buddhismo. [Sua Santità] sottolinea che l'approccio nel Buddhismo è molto simile all'approccio della scienza, ovvero non si accettano dei principi semplicemente sulla base di fede cieca e devozione. Al contrario si segue il metodo scientifico in cui si utilizzano la logica e la ragione, analisi approfondite e un approccio pragmatico del provare noi stessi – sperimentando e vedendo se i metodi insegnati nel Buddhismo producano effettivamente i risultati che si dice produrranno, in termini di pace mentale e di poter affrontare i problemi in un modo migliore. Ed essendo anche molto pratici nel nostro approccio – non idealistici – ma pratici considerando ciò che è realistico, quello che effettivamente ci aiuterà nella nostra vita quotidiana.

Oltre a questo, se ci sono degli aspetti negli insegnamenti buddhisti tradizionali che si sono dimostrati non corretti o incoerenti con le scoperte della scienza – per esempio, sulla struttura dell'universo – allora Sua Santità è piuttosto felice di scartarli dagli insegnamenti buddhisti e sostituirli con la visione scientifica, perché non c'è nulla di contraddittorio. Poiché il Buddhismo pone l’accento  sulla realtà, non sulla fantasia, e il Buddha non è venuto per insegnarci la geografia ma per insegnarci un metodo per affrontare i nostri problemi nella vita. Gli insegnamenti tradizionali sulle dimensioni di questo pianeta, sulla distanza della terra dal sole e dalla luna, questo genere di cose sono state spiegate nei modi tradizionali in cui la gente li comprendeva 2500 anni fa. Quindi gli insegnamenti tradizionali su quei temi non sono veramente importanti: questa non è la sostanza principale degli insegnamenti del Buddha. Sua Santità sfida gli scienziati a confutare, per esempio, la rinascita e non solo a scartarla senza tenerla in considerazione semplicemente sulla base del dire “Non ci credo”. “Non ci credo” non è una ragione valida per affermare che qualcosa non esiste.

Così questo è qualcosa che sicuramente attrae le persone con una mente più razionale. E c'è stata molta di quella che potremmo chiamare “fecondazione incrociata” tra il lato buddhista, guidato da Sua Santità il Dalai Lama e il lato della scienza, soprattutto nel campo della medicina: uno dei punti principali degli insegnamenti buddhisti a questo riguardo è che la nostra salute è molto influenzata dal nostro stato mentale. Se siamo molto pessimisti – molto negativi e sempre preoccupati per me, me, me e così via – questo indebolisce il sistema immunitario, le nostre malattie peggiorano e non ci riprendiamo così rapidamente. Se invece siamo ottimisti, se pensiamo a tutti coloro che hanno questo tipo di malattia, alla nostra famiglia e così via, allora non ci lamentiamo continuamente. Le nostre menti e i nostri cuori sono molto più in pace e ciò rafforza il sistema immunitario. Gli scienziati hanno condotto varie indagini su questi punti, e hanno dimostrato che sono veri, così questi metodi ora sono incoraggiati in molti ospedali.

Inoltre ci sono numerosi metodi del Buddhismo che aiutano molto il controllo del dolore. Il dolore è già abbastanza negativo da solo, ma se ci si aggiunge la paura e l’essere molto tesi emotivamente, ciò peggiora. Ci sono vari metodi che il Buddhismo insegna attraverso la meditazione della respirazione che aiutano ad affrontare il dolore in modo davvero migliore, e che sono sono stati testati e poi promossi in vari ospedali. Questi metodi non richiedono un contesto buddhista, non è necessario che gli insegnamenti buddhisti vengano spiegati in dettaglio alle persone per poter seguire questi metodi. Questi sono metodi universalmente disponibili, che chiunque può adottare all'interno di qualsiasi sistema di credenze. Ma poiché derivano dagli insegnamenti buddhisti, allora le persone diventano un po' interessate ai dettagli di tali insegnamenti buddhisti. Abbiamo visto lo stesso tipo di fenomeno con le persone che praticano arti marziali; le arti marziali si sono sviluppate nelle società buddhiste e così tante persone che le hanno praticate si sono interessate a quello che era il retaggio buddhista di quegli insegnamenti.

Ispirazione dai maestri spirituali

Ma naturalmente ci sono molte persone che non sono molto interessate all’aspetto razionale e scientifico nel loro approccio alla vita, così altri aspetti del Buddhismo le hanno attirate. Ho già accennato a un altro aspetto quando ho fatto riferimento all'ispirazione di grandi maestri spirituali: con sempre più grandi maestri spirituali che viaggiano in tutto il mondo e con i loro insegnamenti disponibili in libri e registrazioni audio e video su internet, le persone più inclini all’aspetto devozionale sono state molto ispirate. Quando molte persone sono state deluse dai vari leader di cui hanno sentito parlare o che hanno incontrato nella sfera economica, politica o in altri campi – e quindi sono un po' delusi – si rivolgono a questi maestri buddhisti con la grande speranza di trovare qualcuno che sia più puro.

Naturalmente dobbiamo essere realisti: non tutti gli insegnanti spirituali che provengono da un contesto buddhista sono completamente puri. Dopotutto sono esseri umani, come lo siamo anche noi. Quindi hanno i loro punti di forza e i loro punti deboli. Ma un gran numero di loro sono davvero straordinari, così le persone sono state fortemente ispirate – alcune persone, dovrei dire – sono state fortemente ispirate da questi maestri tra cui il più eminente è, come ho detto, Sua Santità il Dalai Lama. Ciò che così sorge nella loro mente e nel loro cuore è: "Vorrei poter diventare così". Fungono da modello per ciò che è effettivamente possibile per noi raggiungere, ognuno di noi, individualmente. Perché qualcuno come Sua Santità il Dalai Lama dice sempre: "Non c'è niente di speciale in me". Anche il Buddha disse: "Niente di speciale in me: ho iniziato come te, avevo e ho gli stessi materiali di lavoro che hai tu: una mente, un cuore, i valori umani fondamentali del prendersi cura degli altri e così via. Ho lavorato molto duramente per svilupparli e se lavori duro anche tu sarai in grado di svilupparli". Quindi persone come Sua Santità il Dalai Lama cercano di non incoraggiare le persone a metterlo su un piedistallo, una sorta di super-santo con cui è impossibile relazionarsi, [pensando che sia impossibile] diventare come lui. Così questo è molto attraente per coloro che sono più inclini alla devozione e non sono così scientifici nel loro approccio alla vita.

Ravvivare una tradizione di pratica buddhista

In luoghi tradizionalmente buddhisti in cui, a causa di varie circostanze, la disponibilità della pratica buddhista è diminuita, allora un’altra attrattiva del Buddhismo nel mondo di oggi è rappresentata dal desiderio di ravvivare la tradizione. Questo è un approccio molto importante e valido perché, mentre affrontiamo le sfide della modernizzazione, è molto importante avere un senso di sicurezza di sé e di autostima. Se ci viene detto che tutto ciò in cui i nostri antenati credevano è un'assurdità totale e che se vogliamo veramente entrare nel mondo moderno dobbiamo dimenticarci di tutto ciò, allora abbiamo un’opinione molto bassa di noi stessi e dei nostri antenati. Ci fa sentire che in qualche modo siamo inutili, siamo stupidi. Se ci crediamo, se ne siamo emotivamente convinti, non abbiamo alcun sentimento di autostima o di fiducia in noi stessi; non abbiamo una base per sentirci orgogliosi su cui possiamo crescere. Rivolgerci ai nostri costumi e alle nostre credenze tradizionali e ravvivarli è a mio parere un aspetto molto importante nel darci una base emotiva per un’ulteriore crescita e modernizzazione.

Ora, naturalmente, all'interno di qualsiasi tradizione ci saranno punti di forza e ci saranno punti deboli di cui si è forse approfittato, ed è importante sottolineare quei punti di forza. In una scuola di psicologia moderna c'è una grande enfasi sul principio di lealtà: ognuno ha l’impulso ad essere fedele alla propria famiglia, al proprio clan, alla propria religione, qualunque essa sia. La lealtà può andare in due direzioni: essere fedeli a qualità positive o a qualità negative. Per esempio, se una tradizione ha una qualità negativa di intolleranza nei confronti di altre tradizioni e se questo è ciò che è stato enfatizzato in quella tradizione, allora le persone che rifiutano quella tradizione rimarranno comunque fedeli a quell'atteggiamento di intolleranza. Così la rifiutano e poi sono molto intolleranti nei confronti di chiunque possa credervi. Questa è lealtà negativa, mal riposta. D'altra parte, se non si negano le debolezze, i punti deboli di una tradizione ma si sottolineano, ancora una volta, gli aspetti positivi, allora le persone possono essere fedeli a quegli aspetti positivi senza avere un occhio cieco verso i punti deboli ed essere indotti a ripeterli. Quindi questa è un'altra attrattiva del Buddhismo, in particolare nelle aree in cui [il Buddhismo] è stato il sistema tradizionale. È diventato un'area in cui si aiuta a far ravvivare e sviluppare un senso di autostima e così via della nostra cultura, dei nostri antenati, di noi stessi.

Il lato esotico del Buddhismo

Esiste un altro gruppo di persone che trova il Buddhismo attraente per via delle proprie fantasie. Queste persone hanno problemi nella vita, e cercano qualche soluzione magica, esotica e il Buddhismo – in particolare nella versione tibetana/mongola/calmucca – è ricco di ogni sorta di cose esotiche: tutte queste divinità con i loro molti volti, braccia e gambe, tutti questi mantra e così via. Sembrano delle parole magiche; tutto ciò che bisogna fare è recitarli un milione di volte e tutti i nostri problemi saranno spariti. Deve esserci qualcosa di magico in queste figure con tutte quelle braccia e quelle gambe E così il Buddhismo è considerato come un metodo per ottenere la felicità e così via attraverso questi, come ho detto, tipi di metodi magici.

Sebbene si possa trarre qualche beneficio dalla pratica di questi metodi (non si può negare che non ci sia qualche beneficio, anche se ci si avvicina al Buddhismo in questo modo idealistico e irrealistico) Sua Santità il Dalai Lama sottolinea sempre che questo non è veramente realistico. Potrebbe avere qualche beneficio, ma a lungo termine si rimarrà delusi perché, sfortunatamente, non ci sono soluzioni magiche. Se vogliamo davvero essere tranquilli ed essere in grado di superare i nostri problemi nella vita, dobbiamo affrontare quegli aspetti di noi stessi che non sono troppo belli o comodi da affrontare. Dobbiamo affrontare e superare la nostra rabbia, il nostro egoismo, la nostra avidità, i nostri attaccamenti e così via: cercare semplicemente una soluzione magica e ignorare questi problemi personali non è di grande aiuto. Ma ovviamente ci sono molte persone che trovano comunque il Buddhismo attraente per via di queste caratteristiche esotiche.

In sintesi

In breve vediamo che ci sono molti aspetti diversi del Buddhismo che le persone trovano attraenti e interessanti, ma tutti derivano dal desiderio fondamentale di trovare in esso dei metodi che ci aiutino a superare i problemi della vita e la sofferenza. Indipendentemente da ciò che ci spinge a trovare un modo di affrontare la vita attraverso il Buddhismo, ciò che è così meraviglioso negli insegnamenti del Buddha e che piace a tutti, è che in realtà ci offrono metodi da seguire per aiutarci a superare i problemi. È una tradizione vivente con 2500 anni di esperienza e ci sono ancora persone che la praticano ottenendo risultati. Quindi è solo una questione di seguire effettivamente questi metodi: è tutto illustrato. Il Buddha ha insegnato non solo un metodo, ma molti, molti diversi tipi di metodi, consapevole che ognuno è un individuo e persone diverse trovano più utili metodi differenti. Questo è qualcosa che le persone trovano davvero meraviglioso perché all'interno di tutta la varietà dei metodi buddhisti – è come avere un menù molto ampio al ristorante – di solito possiamo trovare qualcosa che fa per noi; se proviamo una cosa che non ci soddisfa, ci sono molte altre cose che sono disponibili. Il fatto che viviamo nell'era dell'informazione significa che possiamo accedere a un numero sempre più vasto di questi metodi, indipendentemente da dove viviamo.

Top